Marcialonga del carciofo (22 Marzo 2015)


Oggi è 21 Marzo, ormai ci siamo, domani correremo la marcialonga del Carciofo a Samassi; son passate tre settimane dall'ultima gara (la mezza di Oristano) e questa è l'occasione per fare una gita fuori isola con famiglie a seguito dato che la corsa è inserita all'interno della sagra del carciofo. Dopo Oristano son stato fermo una settimana a causa di dolori addominali venutimi nell'immediato post gara e che mi son durati circa una settimana; successivamente ho ripreso a correre con Antonio e ho fatto anche qualche corsa con Luigi, Francesco e Berni. Luigi domani abbatterà per la prima volta il muro dei 30 alla maratona di Roma (forza Luigi) mentre io, Antonio Bernardo correremo a Samassi su percorso in gran parte sterrato. L'allenamento non è stato intenso anzi abbiamo scaricato i due mesi di lavoro fatto per preparare  la mezza e sento le gambe (per ora) leggere ma domani vi aggiornerò sulla gara. Sono appena passate le 20.00 e vengo sapere che a causa del maltempo cambia il percorso: non più un giro secco ma tre giri da tre km. Sinceramente son quasi contento dato che i circuiti da ripetere mi piacciono di più; dispiace invece per la fatica maggiore degli organizzatori.
Domenica 22: mi alzo come al solito presto e controllo il vento, ieri i traghetti non passavano ma oggi calma totale; giornata uggiosa ma pochissimo vento cosi decido di togliere dal mio zaino le scarpe da cross e metto (scelta che poi risulterà sbagliatissima) le mie preferite : le natural (A0)...chi corre sa di cosa parlo son scarpe piatte leggerissime  e con suola quasi liscia! Alle 7.45 partiamo : io,babbo mamma, Paola (mia moglie), Patrizia, Antonio, Tiziana,Bernardo. In viaggio prendiamo acqua e iniziamo a temere temporale ma pian piano il tempo migliora. Arriviamo a Samassi alle 9.30 e Andrea (il presidente) ha già ritirato il nostro pacco gara e pettorali: efficientissimo e gentilissimo Andrea. Non passa nemmeno un minuto e incontriamo Peppe (mio cognato; ora la squadra è ufficialmente al completo. Apprendo che il percorso sarà più lungo e un altro runner mi dice che un lungo tratto è completamente fangoso; mi vien da sorridere e impreco tra me e me e anche a voce alta a dire il vero; ho capito di aver sbagliato a scegliere le scarpe ma fa niente ormai siam qui e tanto vale vedere il lato positivo: si fanno tre giri quindi passerò tre volte davanti ai miei e secondo aspetto positivo non è pianeggiante e amo i cambi di ritmo. Mi cambio mi scaldo ed è quasi ora.
La gara parte con pochissimo ritardo, competitiva e non competitiva partono insieme; parto abbastanza forte e cerco di stare dietro a Emanuele che penso essere il runner sm35 più forte; ci riesco per il primo Km ma appena arriva il fango rallento, non mi sento sicuro ed è solo il primo giro meglio non rischiare. Quasi al terzo km c'è una discesa con forte pendenza completamente fangosa. Finisco il primo giro con un passo leggermente sotto 3,45 e nel secondo riesco anche a fare dei sorpassi ma sempre rallentando nelle zone fangose; al terzo giro inizio a rallentare nei tratto in salita ma sempre con 1 passo sotto 3,50. A partire dall'ottavo chilometro son affiancato da un altro runner di Samassi che in discesa mi salterà come un birillo; lo riprendo e lo passo ma poche centinaia di metri dall'arrivo lui ne ha ancora per scattare. All'arrivo son tredicesimo assoluto con un passo 3,46 e terzo di categoria dietro a Emanuele che penso sia arrivato ottavo; non son stanco anzi molto divertito e carico; mi cambio e saluto tutti quelli che mi aspettavano al traguardo; dopo Poco arrivano Bernardo (ottimo secondo sm60) Annarita (seconda di categoria) e Antonio! Ritiriamo il nostro panino al carciofo e aspettiamo le premiazioni : carciofi per tutti! Nel post  gara parliamo tra noi e anche con altri il percorso era duro il terreno pesante ma molto divertente e di sicuro insolito e molto selettivo e non adatto a fare il personale. Ora inizia la vera sfida : pranzo succulento a base di carciofi (cotti in vari modi dall'antipasto al secondo) e poi dolcetto e sorbetto, altro che marcialonga è una vera maratona di cibo...piacevolissima e intensa!

Io e Bernardo pregara

Guido (mio babbo), Andrea (presidente), Io, Antonio

Medaglia


Io, Antonio, Bernardo..e naturalmente i carciofi! 


Andrea, Annarita, io

Emanuele e io


Io, mamma, Patri (mia cognata), Paola (mia moglie), Annarita
video

Commenti